informazioni

                                            
per informazioni e contatti scrivi a:

17 luglio 2013

Aspetti della timidezza: I problemi di accettazione, competenza e controllo – terza parte


Il problema del controllo

Le persone che temono il dominio altrui o di perdere la padronanza di se stessi, in termini di comportamenti o in termini di governo del proprio corpo o della propria mente, hanno il problema del controllo.

Anche in questo caso la formazione di questo problema è, fondamentalmente, di origine ambientale. Le cause possono essere diverse:
Joan Mirò - la scala della fuga

  • Può essere cresciuto in un ambiente in cui le figure di riferimento hanno avuto nei suoi confronti comportamenti incostanti, disattenti, incoerenti, instabili, ambigui.
  • Il soggetto può aver avuto un genitore particolarmente dominante.
  • Può essere cresciuto in un ambiente dove la perdita del controllo costituisce un problema considerevole.
  • Il soggetto può essere cresciuto in un ambiente in cui i genitori o uno di essi erano vittime di alcolismo, tossicodipendenza, di altre patologie socialmente invalidanti.
  • Il soggetto può aver avuto genitori in condizioni di povertà, disoccupazione o comunque in gravi condizioni sociali tali da non aver permesso un rapporto equilibrato con i figli.


Il problema di controllo di “prima istanza” è un aspetto più collegabile ad altre forme di disturbi d’ansia, ma è meno accentuato nelle forme di ansia sociale. 

Infatti, nell’ansia sociale, quella del controllo può essere un problema di “seconda istanza”, derivante dal problema di accettazione o di competenza. In questi casi, la fenomenologia è diversa: la preoccupazione non è tanto il timore di perdere il controllo di sé o di essere dominati, ma è dettata dall’ossessione di non incorrere nei giudizi negativi altrui

Il bisogno di accettazione, nelle persone timide e negli ansiosi sociali in generale, induce a un continuo controllo, sugli altri e su se stessi, per verificare la propria accettabilità ma anche per attuare quei comportamenti finalizzati all’accettazione sociale. 
I timidi che hanno il problema della competenza, sono indotti a forme di controllo orientate a verificare la qualità, le espressioni e i sintomi fisiologici legata ai propri comportamenti sociali, alle proprie performance; infatti, la loro preoccupazione è quella di evitare di lasciar trasparire o di trasmettere un’immagine negativa di sé.

Per una persona timida le gratificazioni e il riconoscimento sociale assumono particolare importanza in quanto testimoniano il livello di accettazione o di valore quotato della propria persona. In tal senso la perdita di controllo del proprio comportamento, di sé, rappresenta - per l’individuo timido - un grave fattore di rischio relativo al giudizio negativo altrui, al rifiuto sociale.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il commento